L’esercizio isocinetico,o ad isovelocità, è un esercizio muscolare dinamico compiuto a velocità costante con l’ausilio di appositi apparecchi.

A partire dagli anni settanta la metodica isocinetica è diventata parte integrante di numerosi protocolli riabilitativi e di valutazione in campo medico-riabiliativo, medico-sportivo e medico-legale.

Le macchine isocinetiche sono apparecchiature molto sofisticate dotate di un dinamometro, controllato da un software, che consente di mantenere costante la velocità angolare del movimento eseguito e quindi la forza sviluppata dal muscolo; il software permette in oltre di regolare e controllare in ogni momento l’esercizio eseguito dal paziente, nonché di memorizzare ed analizzare i dati rilevati durante le sessioni di lavoro.

Con l’apparecchiatura isocinetica possiamo valutare la forza di un muscolo (ad esempio il muscolo quadricipite dopo un intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore), quindi costruire un protocollo riabilitativo che punti al rinforzo di detto muscolo dove, fin dalle primissime fasi post-operatorie, si associa alla fisioterapia tradizionale l’esercizio muscolare isocinetico;possiamo monitorare il lavoro adattandolo di volta in volta alle esigenze dal paziente, verificare i progressi ed infine eseguire un valutazione comparando l’arto operato con il controlaterale sano.

Il paziente potrà lavorare al rinforzo muscolare in totale sicurezza dal momento che l’esercizio isocinetico viene eseguito in scarico (senza appoggio dell’arto operato al suolo) e soprattutto la resistenza costante opposta dalla macchina allo sforzo muscolare attivo non grava sull’articolazione operata poiché si adatta alla stessa forza espressa dal paziente. Esistono diversi tipi di contrazione muscolare che si possono ottenere grazie alla macchina alcune delle quali non sarebbero realizzabili con le comuni apparecchiature da palestra e comunque controindicate nelle fasi iniziali della riabilitazione dal momento che verrebbero eseguite sovraccaricando l’articolazione.

L’esercizio isocinetico può essere utilizzato per lavorare sulla muscolatura di qualsiasi articolazione: i muscoli estensori e flessori del ginocchio, i muscoli rotatori della spalla, gli importanti muscoli stabilizzatori della caviglia…

La modalità di lavoro isocinetico trova ampia applicazione in campo riabilitativo, come ricondizionamento muscolare in seguito ad interventi di chirurgia ortopedica, ma anche in campo sportivo come valido ausilio agli allenamenti dal momento che permette di ottimizzare lo sforzo muscolare e quindi di sviluppare la forza in modo eccellente. Viene utilizzata anche in medicina legale poichè permette realizzare una meticolosa valutazione della funzionalità muscolare.

Share by: